mercoledì 29 maggio 2013

mercoledì 8 maggio 2013

Ancora una Lontra vittima del traffico automobilistico

Un esemplare di Lontra è stato oggi rinvenuto nei pressi di un ponte lungo il fiume Cavone a pochi km da Pisticci. A ritrovarla è stato un automobilista di passaggio che l'ha recuperata e prontamente consegnata al CRAS provinciale di Matera con sede presso la Riserva Naturale di San Giuliano. Qui, ad un preliminare esame,  è stato possibile stabilire che si tratta di un maschio adulto di circa 115 cm di lunghezza con evidenti fratture e traumi a livello della testa.
Non appena possibile, e su autorizzazione di enti ed uffici competenti,  la carcassa sarà messa a disposizione per progetti di studio e ricerca in corso in Italia. L'ultimo esemplare recuperato dal CRAS nello scorso mese di novembre 2012 è già stato sottoposto a necroscopia e a diversi analisi  presso il Dipartimento di Scienze Biomediche Comparate dell'Università di Teramo nell'ambito del Progetto RECAL, in collaborazione con il Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano.



lunedì 6 maggio 2013

Finalmente il primo uovo!

Dopo oltre un mese di corteggiamento finalmente la coppia di grillai monitorata dalla webcam del CRAS ha finalmente deposto il suo primo uovo il 6 maggio.  Auguri alla mamma e al papà sperando che presto ai cieli della Basilicata si aggiungano nuovi falchi e nuovi voli.


Cani avvelenati a Miglionico: la denuncia di ANTEA


L’associazione Animalista ed Ambientalista ANTEA ONLUS ha inviato al nostro blog una nota per ricordare e porre all’attenzione dei cittadini e delle istituzioni dei gravissimi casi di maltrattamento nei confronti di alcuni cani randagi. 
L'associazione scrive: "A distanza di pochi mesi dall’ultimo episodio in cui dei cani furono uccisi a colpi di arma da fuoco, dobbiamo purtroppo constatare un aumento dei casi di avvelenamento. Negli ultimi giorni sono molti i cani ritrovati senza vita per le strade del paese con evidenti segni e prove che lasciano pensare a morte per avvelenamento e gli ultimi due casi risalgono proprio alla mattinata del 04/05/13. Forse una mano assassina, dopo aver preparato con cura del cibo mescolato con chissà quale veleno, con una freddezza tale ed una sconcertante indifferenza lo ha poi offerto al malcapitato animale che, affamato, ha consumato il pasto scodinzolando felice e ringraziando l’umano “generoso” per poi morire contorcendosi per gli atroci dolori. Siamo senza parole di fronte a tutto questo e siamo sconcertati per la troppa cattiveria ed inciviltà che ci circonda. Solo un mostro sarebbe capace di far del male a degli animali indifesi, con l’unica colpa di essere nati in un luogo ad altro tasso di inciviltà ed intolleranza. Ricordiamo a tutti che i maltrattamenti nei confronti degli animali sono, fortunatamente, punibili per legge anche con la reclusione, pertanto, invitiamo tutti i cittadini onesti a denunciare queste atrocità ed ingiustizie. Auguriamo al mostro che ha compiuto questo ignobile gesto di avere rimorsi di coscienza per tutto il resto della sua vita e che, presto, il suo nome venga fuori così da pagare per il reato commesso e ci auguriamo che Sindaco e forze dell’ordine prendano atto di ciò che sta accadendo nel nostro Comune provvedendo al più presto a porre fine a questi spiacevoli avvenimenti".