sabato 30 novembre 2013

Codirosso spazzacamino

Puntuale come ogni anno viene a mangiare alle  "mangiatoie" del CRAS. Il codirosso spazzacamino, insieme al pettirosso,  è uno dei simboli dell'inverno alle porte...

Riserva Naturale Regionale di San Giuliano, 30 novembre 2013

lunedì 25 novembre 2013

domenica 24 novembre 2013

Un tordo impallinato...

E' uno dei tanti, uno delle migliaia di tordi che in questo periodo sono oggetto di attenzioni particolari da parte dei seguaci di Diana. Questo esemplare non finirà in un piatto di un cacciatore ma se tutto va bene passerà il resto dei suoi giorni in una gabbia del CRAS visto che ha una brutta frattura all'ala destra. Nella foto non si nota molto la ferita ma di sicuro non potrà più volare. E' stato trovato da due ragazzi di Miglionico nella loro campagna presso Monte Acuto, a poca distanza dalla Riserva Naturale di San Giuliano. Nella zona, raccontavano i due giovani,  c'erano tanti cacciatori stamattina che praticavano il loro sport preferito... Che peccato, lo sport meno salutare che ci sia! Uno sport che però ferma la vita di milioni di esseri viventi!




mercoledì 20 novembre 2013

Nuovo ritrovamento di Lontra investita in provincia di Matera

Grazie alla segnalazione di Egidio Fulco e di Giusi Venezia il CRAS provinciale di San Giuliano ha potuto effettuare un intervento di recupero di una Lontra presumibilmente adulta investita sulla strada statale Basentana in agro di Bernalda e distante circa 500 metri dal fiume Basento. Purtropppo la carcassa era in pessime condizioni (con la testa completamente distrutta) e probabilmente molti dati non potranno essere raccolti. La stessa è stata conservata in congelatore per poter essere messa a disposizione del progetto RECAL (Recupero e Analisi post-mortem di esemplari di Lontra) gestito dal Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano in collaborazione con la società Lutria e il Dipartimento di Scienze Biomediche Comparate dell'Università di Teramo.  Il nostro CRAS sta da tempo collaborando a questo progetto e grazie alle varie segnalazioni pervenute su ritrovamenti di lontre investite è stato possibile contribuire alla raccolta di interessanti dati morfometrici, sanitari e genetici di lontre lucane. Si invita chiunque ritrova, o viene a conoscenza di lontre morte o ferite, di avvisare gli organismi preposti o il CRAS stesso al numero 339-1637510 nel più breve tempo possibile allo scopo di avviare un intervento di rapido soccorso (nel caso di lontre ferite) o di  conservazione delle carcasse (nel caso di lontre morte). La Basilicata è la regione più importante e strategica in Italia per la Lontra ed ogni iniziativa va intrapresa per contribuire ad una maggiore conoscenza delle problematiche di tutela e conservazione della specie.



Foto: Matteo Visceglia

martedì 19 novembre 2013

I disegni dei bambini di 5 anni dopo una visita al CRAS

 
I bambini di cinque anni della 3B della scuola dell’infanzia “P.G.Minozzi” di Matera, nel post che segue raccontano con il loro linguaggio e descrivono con le loro matite colorate  l’entusiasmante esperienza vissuta  presso il Centro Recupero Animali Selvatici dell’Oasi San Giuliano. Una bella giornata vissuta all'insegna della natura con la speranza che queste iniziative contribuiscano a formare e ad accrescere la sensibilità e il rispetto verso il proprio territorio e la biodiversità che lo contraddistingue.
 
Le insegnanti Teresa Dimatteo, Maria Grazia Russo e Angela Di Barbaro, che con grande difficoltà sono riuscite a contenere la veemenza della breve narrazione, approvano ed esprimono riconoscenza e gratitudine al responsabile,  Matteo Visceglia, e ai volontari della LIPU per la gentile accoglienza e la pregevole attività ambientale svolta con evidente passione e dedizione.


 Nel cortile è arrivato lo scuolabus  e siamo scesi  … no, siamo saliti e abbiamo fatto un viaggio molto lungo per andare al Soccorso degli animali.

Abbiamo visto gli alberi con la frutta e poi siamo arrivati. Siamo scesi dall’autobus e siamo entrati nell’ospedale. Abbiamo visto le tartarughe, ne abbiamo preso una in mano, ci hanno fatto sentire i nomi e ci hanno detto anche dove abitano: abbiamo sentito guance gialle e guance rosse. Due tartarughe con le guance gialle e una con le guance rosse.

Ci hanno fatto vedere anche le tartarughe molto piccole dentro una vaschetta e ci hanno detto che non sanno nuotare dentro l’acqua alta. Abbiamo preso in mano le tartarughe piccole che non sono di terra che camminano nella terra, ma sono di acqua … ma un po’ possono camminare sulla terra. Quelle di terra erano molto grandi e pure grosse e sono state lasciate là da un signore e il dottore le ha curate. Poi siamo andati a vedere l’istrice, si chiama Sting; la sua mamma è stata schiacciata da una macchina e anche il fratellino perché di notte era andata a mangiare i serpenti e i topi, una macchina non aveva visto niente e … ciac … l’ha schiacciata. Hanno detto che mangia le cose dure per consumare i denti se no crescono troppo lunghi. Ha mangiato i fagioli e i piselli duri e scaduti (!) ma è goloso di anguria. Dopo abbiamo visto il gufo che ha gli occhi arancioni perché vede di notte; abbiamo visto la civetta con un occhio rotto perché è stata schiacciata.      Poi abbiamo visto gli uccelli, quelli con l’ala lunga e quelli con l’ala corta.

Poi abbiamo liberato il Nibbio reale che aveva la testa sempre giù e aveva sulla zampa un anello con il suo numero; è maschio e lo vogliamo chiamare Oscar … no, Mattia … Nicolas …

Oscar! Oscar! Oscar!

Gli abbiamo salvato la vita.

No, noi no, il dottore e la dottoressa vuoi dire!

Ha volato prima basso con le ali tutte lunghe, poi in alto in alto e poi in altissimo e poi non l’abbiamo visto più. Forse è tornato dalla sua mamma o dal suo papà.

Poi siamo entrati nello scuolabus e siamo ritornati a scuola. Abbiamo disegnato tutti gli animali e abbiamo recitato la storia di Oscar”.




PER INGRANDIRE I DISEGNI CLICCARE SOPRA!

Si ringraziano le insegnanti Teresa Dimatteo, Maria Grazia Russo e Angela Di Barbaro per aver effettuato la scansione dei disegni dei bambini permettendone la pubblicazione su questo blog.
 


















































Una giornata al CRAS con i bambini della scuola dell'infanzia





































IL VIDEO DELLA LIBERAZIONE DEL NIBBIO